L’ente per impugnazione non deve attendere l’atto applicativo

Tag 25 Novembre 2013  |

 

la Massima

La sentenza distingue due situazioni nel caso di adozione di un regolamento.

Il singolo cittadino ha una posizione di interesse legittimo che sorge solo per effetto dell’atto applicativo. Pertanto, in questo caso, per impugnare il regolamento si dovrà attendere un atto applicativo.

Diversamente, l’Ente ha la titolarità di una posizione di interesse collettivo. L’ente esponenziale può impugnare immediatamente il regolamento in quanto l’interesse del gruppo può essere leso per il solo fatto dell’introduzione nell’ordinamento del regolamento medesimo.

Cons. Stato Sez. VI, 18/11/2013, n. 5451

 

 

    Tramite il modulo sottostante è possibile contattare lo studio legale di riferimento al fine di avere un consulto sulla propria problematica.
    La compilazione e l'invio dello stesso non comporta alcun impegno o onere da parte del richiedente.
    Laddove vi siano i presupposti, l'utente potrà decidere liberamente se affidare o meno la propria posizione allo studio legale di competenza.
    Cordialità.
    Nome :
    Cognome :
    Città :
    Provincia :
    Telefono :
    E-mail :* il riscontro verrà fornito tramite mail

    Oggetto :

    Vi contatto per esporre quanto segue:

    * tutti i campi sono obbligatori

    Accetto le condizioni per l'utilizzo del servizio ed esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali in conformità alle finalità di cui all' Informativa sulla Privacy.

    feedback
    I Feedback dei nostri clienti