Archivi tag: marchi & brevetti

Il marchio meramente descrittivo non ha capacitĂ  distintiva

  Il concetto di carattere distintivo ex art. 7 e 13 c.p.i. è assente nel caso in cui si tratti di un marchio meramente descrittivo  delle caratteristiche e della funzione essenziale del prodotto medesimo. Nel caso di specie il Giudice … Continua a leggere

Tutela del marchio anche per le parole chiave di google

  Interessante pronuncia del Giudice Europeo in materia di marchi e internet. In sentenza si afferma che il titolare di un marchio ha il diritto di vietare al concorrente di fare pubblicitĂ   anche in relazione alla parola chiave, identica a … Continua a leggere

Duro colpo per le licenze esclusive della pay TV: niente limiti territoriali

  Le licenze delle “pay TV” per le partite di calcio subiscono un brave attacco. Secondo la Corte Europea, è inammissibile una normativa nazionale che vieti l’importazione, la vendita o l’utilizzazione di schede di decodificazione straniere. Difatti tale disposizione è … Continua a leggere

Marchio tridimensionale e reato penale

  Il reato previsto dall’art. 473 cod. penale (contraffazione ed alterazione di marchi o segni distintivi), deve escludersi laddove nel cosiddetto marchio tridimensionale non siano ricompresi segni distintivi. Ossia il reato è escluso quando il marchio sia composto unicamente da … Continua a leggere

La sentenza del Tribunale Comunitario si estende all’intero territorio dell’Unione

  Importante pronuncia della Corte di Giustizia. Si riconosce la valenza su tutto il territorio dell’Unione alla pronuncia del Tribunale dei marchi comunitari. Nello specifico, il divieto di prosecuzione di atti costituenti contraffazione o minaccia di contraffazione di un marchio … Continua a leggere

Anche l’uso improprio di un gruppo su facebook viola la normativa sui marchi e concorrenza

  Rappresenta un caso di segno distintivo atipico l’uso della denominazione e dei marchi di un imprenditore commerciale all’interno di un gruppo facebook. Tale situazione comporta quantomeno una tutela contro l’interferenza confusoria ai sensi dell’art. 2598 n.1 c.c., che protegge, in generale, … Continua a leggere

Tutelare il “made in Italy” si può

  La stampigliatura “made in Italy” su prodotti e merci non originari dall’Italia deve essere considerata un “falso”, anche qualora sia indicata l’origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci. Inoltre, anche l’uso di segni, figure (incluso l’uso … Continua a leggere

In tema di frequenze radiotelevisive il preuso non è sufficiente

  In materia di concorrenza fra imprese operanti nel settore delle emittenti radiotelevisive, per escludere che le interferenze lamentate da una delle imprese concorrenti integrino l’ipotesi della concorrenza sleale per contrarietĂ  alla correttezza professionale, non è sufficiente fare ricorso al … Continua a leggere

Legittimazione del Marchio di fatto: il titolare ha diritto a continuare ad utilizzare il marchio

  La sentenza legittima una sorta di “duopolio” atto a consentire nell’ambito locale, la “coesistenza” del marchio preusato e di quello successivamente registrato. In ipotesi di preuso di un marchio di fatto, il titolare del segno ha il diritto di … Continua a leggere

Il preuso nel marchio: i caratteri di novitĂ  ed originalitĂ .

  Il concetto di “preuso” del marchio è  una situazione di fatto in cui il soggetto usa/utilizza un marchio, il quale solo successivamente viene registrato da altri soggetti (diversi dal preutente). Alla situazione di fatto suddetta, corrisponde il diritto di … Continua a leggere