La scoperta del Maltolo: ricercatori Italiani nella lotta contro i tumori

Il Dott. Mirco Fanelli e il prof. Vieri Fusi scoprono il Maltolo

Dal sito dell’università di Urbino si legge una sensazionale scoperta di due ricercatori italiani: Dott. Fanelli e Prof. Fusi.

Il maltolo è una molecola  contenuta nel malto, nella cicoria, nel cocco, nel caffè e in moltissimi altri prodotti naturali.

Normalmente la stessa è utilizzata come additivo alimentare.

Opportunamente modificata, la molecola induce le cellule tumorali a “suicidarsi”. In altri termini, la molecola bloccherebbe il ciclo vitale della cellula neoplastica.

Peraltro, non si tratta di una medicina vera e propria, ma bensì di un prodotto naturale modificato ad hoc.

Fusi e Fanelli affermano: “Negli ultimi anni, la ricerca in campo oncologico sta affrontando l’intera problematica attraverso una doppia strategia: da un lato cerca di comprendere a fondo le peculiarità molecolari alla base della patologia stessa e, dall’altro, prova a sviluppare nuove molecole come potenziali farmaci”.

Secondo i ricercatori: “I due approcci non navigano necessariamente su due binari diversi ed è proprio con la scoperta dei meccanismi molecolari alterati nella cellula neoplastica che si gettano le basi per lo sviluppo di nuove molecole atte a correggere quelle alterazioni”.

Nelle ultime settimane sono iniziate le prime sperimentazioni “in vivo”.