I punti salienti del nuovo testo sulla sicurezza

Nuove norme sull’immigrazione clandestina

Tramite questo breve schema vengono messi in risalto le novità più rilevanti del testo sulla sicurezza approvanto proprio ieri dal Senato.

  • Introduzione del reato di ingresso e permanenza illegale nel territorio dello Stato.
  • Il periodo di trattenimento nei Centri di identificazione ed espulsione è di massimo 180 giorni.
  • Maggiori sanzioni per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

In relazione alla cittadinanza:

  • La cittadinanza italiana per matrimonio potrà essere richiesta dopo due anni di residenza.
  • Per l’elezione, l’acquisto, il riacquisto, la rinuncia o la concessione della cittadinanza italiana sarà necessario versare un contributo di 200 euro.

Novità sui permessi di soggiorno:

  • Gli stranieri che faranno richiesta di rilascio del permesso di soggiorno dovranno sottoscrivere, contestualmente, un Accordo di Integrazione.
  • Per la richiesta di rilascio e di rinnovo del permesso di soggiorno sarà necessario versare un contributo compreso tra gli 80 ed i 200 euro.
  • Per il rilascio del permesso di soggiorno CE di lungo periodo è introdotto un test di lingua italiana.
  • Gli stranieri residenti in Italia che intendono sposarsi, dovranno presentare un documento di regolarità del soggiorno.

Incentivi per l’occupazione qualificata:

  • Gli stranieri che hanno conseguito in Italia un dottorato o un master di secondo livello, possono convertire il permesso di soggiorno per studio in permesso di lavoro; possono, inoltre, ottenere un permesso di soggiorno per ricerca di lavoro della durata di 12 mesi.
  • Semplificazione delle procedure di ingresso per lavoro per alcune categorie di lavoratori particolarmente qualificate.

Condizioni di vita:

  • In caso di richiesta di iscrizione, variazione anagrafica ovvero in caso di ricongiungimento familiare è possibile, da parte degli uffici comunali competenti, la verifica delle condizioni igienico sanitarie dell’immobile.

CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

  • Il procedimento di assegnazione dei beni confiscati alla mafia sarà più snello: saranno i Prefetti della Provincia in cui si trova il bene confiscato a decidere della destinazione (fermo restando la competenza gestionale dell’Agenzia del demanio).
  • Sono previste agevolazioni per le aziende e le società sequestrate alla mafia.
  • Nuove sanzioni interdittive e pecuniarie a carico degli enti in relazione alla commissione di delitti di criminalità organizzata.
  • Istituzione dell’Albo nazionale degli amministratori giudiziari.
  • Gli imprenditori che non denunciano l’estorsione subita – salvo lo stato di necessità o la legittima difesa – saranno esclusi dagli appalti pubblici.
  • Nei casi di scioglimento per infiltrazione mafiosa dei consigli comunali e provinciali è prevista l’incandidabilità per gli amministratori responsabili della causa di scioglimento e la responsabilità anche per i dipendenti collusi.
  • Il regime del carcere speciale è reso più duro e potrà essere richiesto anche dal Ministro dell’Interno. Per chi agevola la comunicazione all’esterno dei soggetti sottoposti al “41 bis”, inoltre, è introdotta una nuova fattispecie di reato.
  • È possibile sospendere, cautelativamente, le attività oppure sciogliere le associazioni che possono favorire la commissione di reati di terrorismo.

CRIMINALITA’ DIFFUSA

  • I sindaci possono avvalersi di associazioni di cittadini non armati per il presidio del territorio. Le così dette ronde, dovranno essere iscritte in un apposito elenco e regolamentate con decreto ministeriale.
  • Sono previste pene più severe per chi commette un reato con il supporto di minori o disabili psichici o approfittando dell’età della vittima.
  • Aumenta fino a un terzo la pena prevista per chi commette delitti contro la persona in danno di minori o nelle vicinanze delle scuole e da un terzo alla metà per chi commette atti osceni in luoghi frequentati abitualmente da minori.
  • Per chi commette violenza sessuale all’interno o nelle immediate vicinanze della scuola frequentata dalla vittima è prevista la reclusione da 6 a 12 anni.
  • Pene più severe per tutti i delitti compiuti contro il patrimonio nei confronti di persone portatrici di handicap.
  • Vengono inasprite le pene per il sequestro di minori. È introdotto il reato di sottrazione e trattenimento di minore all’estero, punito con reclusione da 1 a 4 anni (se il minore è quattordicenne la reclusione va da 6 mesi a 3 anni). Se il colpevole è lo stesso genitore viene inoltre sospesa la potestà genitoriale.
  • È istituito il registro nazionale dei “senza fissa dimora”.
  • Sono introdotte nuove aggravanti per il delitto di mutilazioni genitali femminili.
  • La violazione di domicilio è punita con un minimo di 6 mesi di reclusione. Sono inoltre introdotte nuove ipotesi di arresto in flagranza per violazione di domicilio, furto aggravato dal solo possesso di armi, furto commesso da più persone simulando di essere un pubblico ufficiale.
  • Sono aggravate le pene previste per il furto e per la rapina commessi sui mezzi di trasporto e nei confronti di chi abbia appena prelevato agli sportelli bancomat.
  • È modificata la disciplina delle aggravanti per il porto illegale di armi: aumento di pena da un terzo alla metà se il porto illegale è compiuto nelle vicinanze di scuole, banche, uffici postali, sportelli bancomat, giardini pubblici, stazioni ferroviarie, fermate metro e autobus. Nelle medesime circostanze è raddoppiata la pena per chi porta fuori dalla propria abitazione oggetti atti ad offendere.
  • È previsto un regolamento per chiarire la disciplina sulla vendita e l’uso degli strumenti di autodifesa (es: spray al peperoncino).
  • È reintrodotto il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, punito con la reclusione fino a 3 anni.

SICUREZZA STRADALE

  • Raddoppiata la sospensione della patente di guida, per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, se il veicolo appartiene a persona estranea.
  • In caso di circolazione con documenti assicurativi falsi o contraffatti il veicolo sarà confiscato.
  • Le persone condannate per spaccio oppure segnalati al Prefetto per uso personale di sostanze stupefacenti, non potranno conseguire la patente o altri titoli abilitativi per tre anni.
  • Grazie all’aumento di un terzo delle sanzioni per le violazioni commesse nella fascia oraria dalle 2.00 alle 7.00 aumentano le risorse destinate al Fondo per l’incidentalità notturna, che potranno essere utilizzate per l’acquisto di mezzi, materiali, attrezzature e per campagne di sensibilizzazione.

DECORO URBANO

  • In caso di occupazione abusiva di suolo pubblico, i Sindaci ed i Prefetti possono disporre l’immediato ripristino dei luoghi a spese di chi occupa; in caso di occupazione per fini commerciali, è prevista la chiusura dell’esercizio per almeno 5 giorni.
  • Sanzioni più severe per i cosiddetti graffitari. In caso di danneggiamento aggravato, la pena potrà essere sospesa solo se il danno è riparato.
  • Chi imbratta i beni immobili, gli autobus e tutti gli altri mezzi di trasporto è punito con la reclusione da 1 a 6 mesi e una multa da 300 a 1000 euro. È prevista, invece, una sanzione amministrativa (fino a 1000 euro) per chi vende bombolette spray, con vernici non biodegradabili, a minori di diciotto anni.
  • I comuni possono applicare una sanzione, di almeno 500 euro, a coloro che sporcano le strade.
  • Chi getta rifiuti dai veicoli in movimento è punito con una sanzione da 500 a 1000 euro.