Obbligo del medico di eseguire tutti gli accertamenti ed esami necessari

la Massima

Tribunale  Milano  sez. IX del 13 marzo 2010

La pronuncia sottolinea che in materia di colpa professionale medica l’ errore diagnostico pu√≤ configurarsi:

1) in presenza di uno o pi√Ļ sintomi della malattia, non si riesca ad inquadrare il caso clinico in una patologia nota alla scienza o si addivenga ad erroneo inquadramento;

2) non vengono eseguiti i controlli e accertamenti doverosi ai fini di una corretta formulazione della diagnosi e della conseguente predisposizione degli interventi utili.

Nel caso di specie, il Giudice esclude la responsabilit√† colposa del medico in quanto il paziente presentava un quadro clinico asintomatico/aspecifico (in particolare sintomi non particolarmente indicativi quali inappetenza, astenia ed assopimento). In tale circostanza √® verosimile escludere la presenza di patologie infettive rilevanti coinvolgenti il cervello e pertanto appare compatibile l’aver escluso esami radiologici strumentali (quali TAC o risonanza magnetica) sul paziente.

Notizie correlate
Individuazione fotografica: prova atipica riconosciuta
Cassazione, sentenza del 2/9/1997 n. 3382
Nessun indulto se c’√® la sospensione condizionale
Cassazione, sentenza del 29/11/2013 n. 49864
La mera imitazione non comporta il reato ex art. 474 cp
Tribunale, sentenza del 22/2/2013 n.
Stalking: atti persecutori nel condominio
Cassazione, sentenza del 15/05/2013 n. 39933
Medico specializzando e colpa professionale
Cassazione, sentenza del 10/7/2008 n. 32424
Diffamazione tramite scritto anonimo
Cassazione, sentenza del 19/5/2011 n. 11004