Nessun aiuto dallo Stato se non lo decide l’Europa

la Massima

Quando si parla di aiuti statali è necessario verificare i seguenti presupposti:

a) intervento da parte dello Stato o di una sua articolazione o comunque impiego di risorse pubbliche a favore di un operatore economico che agisce in libero mercato;

b) idoneitĂ  di tale intervento ad incidere sugli scambi tra Stati membri;

c) idoneitĂ  dello stesso a concedere un vantaggio al suo beneficiario in modo tale da falsare o minacciare di falsare la concorrenza;

d) dimensione dell’intervento superiore alla soglia economica minima che determina la sua configurabilitĂ  come aiuto “de minimis” ai sensi del Regolamento n. 1998/2006, del 15 dicembre 2006.

Secondo quanto stabilito dall’ordinamento comunitario è la Commissione europea (sotto il controllo del Tribunale e della Corte di giustizia) ad essere l’unico organo che può verificare la compatibilitĂ  dell’aiuto con il mercato interno, nel rispetto dei regolamenti di procedura in vigore.

Il ruolo del Giudice nazionale è solo quello di accertare l’osservanza dell’art. 108, n. 3, Trattato 25 marzo 1957., ossia di verificare l’avvenuta comunicazione dell’aiuto alla Commissione.

Nel caso di specie, l’art. 1 della L.R. n. 69 del 2012, Abruzzo, nell’attribuire un finanziamento a favore dell’aeroporto d’Abruzzo di euro 5.500.000,00, senza prevedere la notifica del progetto di legge alla Commissione ed omettendo di avere il previo parere favorevole di quest’ultima, si pone pertanto in contrasto con l’art. 117, primo comma, Cost. e con l’art. 108, paragrafo 3, Trattato 25 marzo 1957, e deve essere dichiarato costituzionalmente illegittimo.

Corte cost., 11/12/2013, n. 299

Notizie correlate
Nessuna concorrenza sul farmaco in fascia A
Consiglio di Stato, sentenza del 10/12/2013 n. 5910
Anche il poliziotto può chiedere il trasferimento per il figlio minore
Consiglio di Stato, sentenza del 16/12/2013 n. 6016
Risarcimento senza colpa come prevede la normativa UE
Consiglio di Stato, sentenza del 13/12/2013 n. 6000
L’ente per impugnazione non deve attendere l’atto applicativo
Consiglio di Stato, sentenza del 18/11/2013 n. 5451
La annullamento della graduatoria giova anche agli altri concorrenti
Consiglio di Stato, sentenza del 18/11/2013 n. 5459
Tariffe Professionali derogabili dagli accordi con le stazioni appaltanti
Consiglio di Stato, sentenza del 12/8/2011 n. 4776
Necessaria la ricognizione pubblica delle offerte
Tribunale, sentenza del 31/8/2011 n. 2110