L’ente per impugnazione non deve attendere l’atto applicativo

la Massima

La sentenza distingue due situazioni nel caso di adozione di un regolamento.

Il singolo cittadino ha una posizione di interesse legittimo che sorge solo per effetto dell’atto applicativo. Pertanto, in questo caso, per impugnare il regolamento si dovrĂ  attendere un atto applicativo.

Diversamente, l’Ente ha la titolaritĂ  di una posizione di interesse collettivo. L’ente esponenziale può impugnare immediatamente il regolamento in quanto l’interesse del gruppo può essere leso per il solo fatto dell’introduzione nell’ordinamento del regolamento medesimo.

Cons. Stato Sez. VI, 18/11/2013, n. 5451

Notizie correlate
Nessuna concorrenza sul farmaco in fascia A
Consiglio di Stato, sentenza del 10/12/2013 n. 5910
Nessun aiuto dallo Stato se non lo decide l’Europa
Corte Costituzionale, sentenza del 11/12/2013 n. 299
Anche il poliziotto può chiedere il trasferimento per il figlio minore
Consiglio di Stato, sentenza del 16/12/2013 n. 6016
Risarcimento senza colpa come prevede la normativa UE
Consiglio di Stato, sentenza del 13/12/2013 n. 6000
La annullamento della graduatoria giova anche agli altri concorrenti
Consiglio di Stato, sentenza del 18/11/2013 n. 5459
Tariffe Professionali derogabili dagli accordi con le stazioni appaltanti
Consiglio di Stato, sentenza del 12/8/2011 n. 4776
Necessaria la ricognizione pubblica delle offerte
Tribunale, sentenza del 31/8/2011 n. 2110